Ore 17.15

High Tech Farming Platforms, la nuova rivoluzione del sistema produttivo rurale

Daniele Sarri, Gabriele Scozzafava, Marco Vieri

L’evoluzione in agricoltura vede, dopo quasi un secolo, una vera e propria rivoluzione derivante dalle tecnologie meccatroniche e digitali. È un cambiamento epocale che può avere conseguenze profondamente positive sull’uso efficiente delle risorse, la sostenibilità e il benessere, ma che fa spazio a potenziali criticità per quanto riguarda la diffusione su larga scala delle nuove tecnologie. Il cuore dell’innovazione risiede nella catena delle tecnologie abilitanti e nella loro integrazione di sistema, il cui punto focale è la gestione e proprietà dei dati digitali. La componentistica software e la gestione dei big data rappresentano, infatti, gli strumenti fondamentali e cruciali per lo sviluppo e la diffusione della nuova tecnologia anche in realtà economicamente più fragili e marginali. La crescita dei territori dipenderà dalla consapevolezza con cui saranno gestiti tutti i fattori di innovazione in un’ottica di inclusione della comunità produttiva rurale.

Ore 17.30

Cittadinanza attiva e rischio alluvioni

Chiara Arrighi

Il ruolo della cittadinanza nella riduzione del rischio alluvione, sia attraverso il monitoraggio del territorio sia apprendendo strategie di autoprotezione. Verranno illustrate le attuali ricerche nell’ambito della gestione del rischio alluvione nella città di Firenze (stima degli impatti, rischi per le persone e gli autoveicoli e comportamenti corretti da adottare in caso di allagamento). Inoltre saranno descritte le frontiere della ricerca nell’ambito dell’allerta meteo e della mappatura digitale del rischio.

Ore 17.45

Dove/nondove. Luoghi visti, luoghi immaginati. Il parco

Ernestina Pellegrini, Diego Salvadori

Dove/nondove è una piattaforma digitale che mira a raccogliere e catalogare i luoghi letterari delle scrittrici, con l’obiettivo di monitorare l’evoluzione di tematiche peculiari (crisi ambientali, narrazioni sulla natura e il paesaggio, rapporto umano/non-umano) nella letteratura femminile.

Ore 18

La privacy al tempo dei Big Data

Michele Boreale

Il paradigma Big Data sta rivoluzionando il nostro modo di fruire della rete, con le sue molteplici potenzialità, in campi diversi che vanno dall’economia, ai contenuti multimediali, fino alla medicina. Viene proposta una riflessione sui pericoli per la privacy legati alla raccolta di grandi quantità di dati e a metodi di profilazione sempre più accurati.  Lo sviluppo di metodi di difesa informatici efficaci passa in primo luogo per una reale comprensione del concetto stesso di privacy.  Su queste tematiche, viene fornita una panoramica delle recenti ricerche in campo informatico.

Ore 18.15

 “Quello che pensano gli altri”

Elena Pirani

“Quello che pensano gli altri” ha sempre avuto un ruolo influente sulle nostre decisioni. Prima della diffusione del World Wide Web era comune chiedere ad amici, parenti e conoscenti, informazioni su servizi, acquisti di beni, orientamenti verso temi politici o sociali. Il web permette adesso di raccogliere queste informazioni anche attraverso le opinioni e le esperienze di sconosciuti. Proponiamo una discussione sulla validità informativa di questi dati.

Ore 18.30

Built Heritage e ricostruzione 3d digitale

Giorgio Verdiani

Gli strumenti della rappresentazione digitale offrono oggi potenti soluzioni per integrare la ricerca sul patrimonio costruito in condizioni di danneggiamento, alterazione e scomparsa. La possibilità di visualizzare e comunicare i luoghi risulta quindi strategica per la diffusione al pubblico attraverso spazi virtuali e realtà amplificata, ma offre anche occasione di verifica delle congetture maturate nella ricerca. E richiede la condivisione di procedure comuni. Nell’intervento, una serie di casi di ricerca su ricostruzione e analisi del risultato su architetture condotte anche con supporto DIDALabs (Sistema Laboratori del Dipartimento di Architettura).