28 settembre 2018

Sede: Montalcino, la chiesa di Pava

Orario: dalle 16.00 alle 20.00

 

Per saperne di più

Il contesto archeologico di Pava è stato identificato nel 2000 nell’ambito del progetto Carta Archeologica della Provincia di Siena.

Dal 2004 al 2014 è stato oggetto di scavi sistematici da parte dell’Università di Siena nel corso dei quali è emerso un contesto di grande complessità che si estende dall’età etrusca quando probabilmente abbiamo una struttura cultuale, all’età romana dove abbiamo attestato strutture di carattere residenziale e di accoglienza, alla tarda antichità quando sorge una grande e originale chiesa che attraverso una serie di trasformazioni prosegue fino al basso medioevo.

Tra il 2012 e il 2014 è stata realizzato un parco archeologico che oltre allo scavo include un’area di circa 3 ettari nella quale stiamo ricostruendo i diversi tipi di paesaggi associati alle diverse fasi di vita e abbandono del sito. I paesaggi etruschi e romani caratterizzati da coltivazioni promiscue e dalla vite. Il paesaggio medievale focalizzato sul bosco e la sua economia e infine il paesaggio moderno associato all’abbandono dell’area.
L’impossibilità di conservare le strutture materiali del sito emersa dopo numerosi di tentativi di restauro delle murature ci ha portati ad operare una scelta drastica: ricoprire tutta l’area archeologica.

L’obiettivo della serata è dimostrare come attraverso vari approcci (sistemi di tracciamento dei perimetrali sul sito, stampe 3D delle murature superstiti, proiezioni multimediali) sia possible comunicare le vicende del contesto e la materialità del sito anche in un caso tanto estremo e complesso.

 

Organizzatore

Dipartimento di Scienze storiche e beni culturali – Università di Siena

 

Bright Siena 2018 è stato reso possibile anche grazie a: