27 settembre 2019

Sede: Rettorato, Sala Consiliare, via Banchi di Sotto 55
Pubblico: Per tutti

 

Per saperne di più

A poco più di 100 anni dalla scoperta dei raggi cosmici, mostreremo un piccolo esperimento da banco che consente di osservare con i propri occhi le tracce che il loro passaggio produce in una camera a nebbia.

I raggi cosmici sono particelle altamente energetiche generate in sorgenti astrofisiche estreme, come i resti di supernova o il centro della Via Lattea; molti aspetti della loro produzione e della loro propagazione nel cosmo rimangono tuttora oscuri, e sono oggetto di intensa attività di ricerca a cui l’Università di Siena partecipa attivamente.

I raggi cosmici contribuiscono al fondo naturale di radioattività col quale conviviamo quotidianamente, e sono anche alla base di applicazioni pratiche nei campi più disparati: dalla datazione col radiocarbonio, alla indagine per immagini non invasiva di strutture archeologiche (come le piramidi) e geologiche (come i vulcani) mediante radiografia e tomografia muonica.

 

Organizzatore

Dipartimento di Scienze fisiche, della Terra e dell’ambiente – Università di Siena